Cosa sono i sette chakra e a cosa servono

Cosa sono i sette chakra e a cosa servono

Probabilmente hai già sentito questo termine ampiamente usato, specie se hai fatto qualche lezione di yoga o guardato qualche tutorial su youtube. Se stai cercando di capire a cosa si riferisce la parola, sei nel posto giusto perché in questo articolo vedremo cosa sono i sette chakra e a cosa servono.

Un chakra è un centro energetico del nostro corpo e si tratta di punti fondamentali per la nostra salute. La parola arriva dal Sanscrito ed il suo significato originale è ruota, poiché la sua funzione è quella di far girare l’energia nel nostro corpo. Ognuno di essi è associato ad un organo e regola determinate funzioni vitali del nostro corpo. Se non funziona come si deve ed il flusso di energia è interrotto ne derivano diversi effetti negativi.

Per tale motivo, di seguito vedremo anche l’impatto che questi centri energetici possono avere sulla tua mente e sul tuo corpo, oltre a come tenerli “aperti” al fine di migliorare il tuo benessere fisico, mentale ed emotivo.

Indice contenuti:

I colori del chakra

i colori del chakra

Se ti sei informato, ti sarà capitato di sentire anche chiamare i chakra con nome, ma anche indicate con un colore preciso. Ad ogni chakra, infatti, è associato un colore come anche un elemento presente in natura.

Il motivo di questa associazione è che, come ciascuno di questi punti energetici influisce su determinate caratteristiche del nostro corpo e della nostra mente, così i colori provocano delle sensazioni e generano emozioni quando li vediamo: alcuni, come il rosso, hanno una sensazione molto fisica, alcuni danno energia, altri una sensazione di pace.

Così, anche i punti energetici sono stati abbinati alle tonalità che li riflettono.

I colori dei 7 chakra sono:

  • Rosso per il Muladhara, ovvero quello della radice
  • Arancione per il Svadhisthana del soffio vitale
  • Giallo del Manipura il chakra del fuoco
  • Verde per l’Anahata, che è il chakra del cuore
  • Azzurro per il Vishuddha, quello della gola
  • Indaco per l’Adjnia, il terzo occhio
  • Viola per il Sahasrara, il chakra della corona

Quali sono i 7 chakra

Si dice che i chakra siano il fondamento della mente e del sistema energetico che determina ciò su cui scegliamo di concentrarci e su ciò su cui concentriamo la nostra attenzione.

Imparare a conoscerli e regolarne la funzione è fondamentale se vogliamo vivere una vita serena, sana e stare in armonia con il nostro corpo. Proprio per questo, di seguito, vediamo più informazioni su ogni singolo punto. Capiremo dove si trova un chakra, su che cosa influisce e come sbloccarlo quando chiuso. Nel vederli partiremo dal basso verso l’alto, ovvero dal bacino verso l’alto, dal punto più vicino alla terra verso quello che punta al cielo.

I 7 chakra sono:

Muladhara: Chakra della radice

Muladhara: Chakra della radice

Il chakra della radice, noto anche come Naraka, è il centro di tutti i chakra. Si trova alla base della colonna vertebrale. Graficamente viene rappresentato da un contorno di un albero con due rami, che rappresentano l’Universo, ovvero l’oceano (simbolo femminile) e il cielo (simbolo maschile).

Il chakra della radice è molto potente ed è associato a intuizione, creatività, ricettività e rigenerazione. Inoltre, è un’area molto sensibile e un segno di profondità e sensibilità spirituale.

Per sbloccarlo e farlo ruotare correttamente devi fare attività fisica come camminate, danza, bicicletta e simili. Se è aperto non solo ti sentirai meglio fisicamente ma avrai anche più fiducia in te stesso ad essere più aperto e creativo. Questo chakra è responsabile di darci una sensazione di equilibrio, equilibrio nella vita, pace, espansione e libertà, proprio come una radice, ci aiuta a sentirci radicati nella vita.

Svadhisthana: il chakra sacrale

Svadhisthana: il chakra sacrale

Conosciuto anche come chakra del soffio vitale il Svadhisthana si trova nella parte inferiore del nostro addome, giusto sotto l’ombelico. Rappresentato da un fiore di loto con 6 foglie, è associato al colore arancione. 

Il suo nome significa “luogo favorevole” e controlla gli organi riproduttori maschili e femminili. Per questo è associato al piacere fisico ed emotivo, all’appagamento in ogni sua forma, non solo quella sessuale.

A bloccarlo è principalmente la paura, soprattutto quella di morire. Quando è chiuso, si riflette fisicamente su disfunzioni sessuali, mentre emotivamente su insicurezza e paura. Il relax, è la chiave per sbloccarlo, a cui si aggiungono sport come nuovo e la danza.

Manipura: il chakra del plesso solare

Manipura: il chakra del plesso solare

Il chakra del plesso solare si trova nella tua parte centrale del corpo, sotto il diaframma. È la sede delle tue emozioni e crea il tuo senso di sé. Questo chakra ha il maggiore impatto su come ti senti dentro.

Quando è chiuso, le tue brutte emozioni, si ripercuotono sul tuo corpo, come ansia, nervosismo e paura, oltre che rabbia e frustrazione. Inoltre, puoi provare la sensazione di confusione, nonché rabbia e irritazione, perché è qui che il tuo istinto e la tua bussola morale hanno la maggiore influenza.

L’idea che le emozioni fossero in qualche modo contenute all’interno del corpo e che il tuo cuore fosse l’unico punto in cui queste emozioni vivevano è un’illusione. In realtà, proviamo emozioni in ogni parte del nostro corpo e il plesso solare è uno dei punti più attivi.

Per tale motivo è importante sbloccarlo praticando molti esercizi di respirazione dell’addome, ma anche attività come la corsa e meditazione.

Anahata: il chakra del cuore

Anahata: il chakra del cuore

Il chakra del cuore si trova nella regione del torace, nel diaframma. Il motivo per cui si trova nel diaframma è perché è la sede dell’emozione umana più fondamentale, il sentimento dell’amore e affetto.

Questa sensazione si manifesta non solo nei sentimenti verso gli altri ma anche nell’arte, nella musica e altre attività. Il centro del chakra del cuore è il ventricolo sinistro del cuore, che è la forma più basilare di energia nel corpo umano. In altre parole, è una forma fisica di energia. La natura fondamentale di questa energia è carica di sensazioni grezze.

Per aprire il chakra del cuore, Anahata, bisogna praticare regolarmente esercizi di respirazione, questa volta concentrati nell’espansione della cassa toracica. Oltre ad esercizi fisici bisogna anche cambiare il proprio pensiero, mettendo da parte odio o invidia ed imparando a perdonare chi ci ha provocato torti o danni.

Vishuddha: il chakra della gola

Vishuddha: il chakra della gola

Il chakra della gola è correlato alla nostra capacità di comunicare, ma può rappresentare anche un lato più spirituale di noi. È anche connesso alla nostra capacità di comprendere la comunicazione tra le persone o le connessioni che stabiliamo con altri esseri umani intorno a noi.

Se il chakra della gola è fermo, potresti avere un blocco nelle tue emozioni e, percepirlo anche fisicamente. Alcuni dei sintomi sono dolore alla gola, sensazione di depressione, difficoltà nel parlare ed esprimersi, perdita della voce o altri problemi nell’area della gola. Anche le capacità di comunicare in modo efficace, trasmettere e ricevere la nostra energia ed emozione vengono attenuate.

Adjnia: il chakra del terzo occhio

Adjnia: il chakra del terzo occhio

Il terzo occhio è il chakra dell’intuizione, dello spirito, dell’illuminazione e della tua capacità di vedere le cose in un modo diverso. Il terzo occhio si trova tra le sopracciglia, proprio dietro il naso, guardando nella direzione dietro l’orecchio destro.

La funzione di questo chakra è di essere consapevole di ciò che accade intorno a te e influisce sul funzionamento della ghiandola pituitaria. Essere consapevoli ti consente di focalizzare la tua attenzione su un argomento, il che si traduce in un’interpretazione più specifica e accurata.

Il terzo occhio offre una visione più chiara e consapevole di quello che è il mondo spirituale permettendoci di capirlo meglio e più a fondo. È anche in grado di aprire la mente subconscia e farci vedere cose che di solito non notiamo, come anche conoscerci meglio.

Se l’Adjnia non ruota come si deve può portare a disturbi psicologici e psicofisici. Per sbloccarlo bisogna meditare, massaggiare le tempie, esercizi con gli occhi e di respirazione.

Sahasrara: il chakra della corona

Sahasrara: il chakra della corona

Il chakra della corona è uno dei chakra superiori. Si trova nella sommità della testa ed è associato al primo senso, gusto e alle emozioni come gioia e felicità. Il suo colore è il viola e la sua energia, controlla il cervello e il sistema nervoso.

Quando è aperto, la capacità di parlare, ascoltare, comprendere e imparare è notevolmente aumentata. Il suo corretto funzionamento lo si vede facilmente perché fisicamente si ha un senso migliore dell’equilibra, più potenza fisica e ci si sente bene. Se bloccato, invece, si hanno problemi di un ego troppo alto, prepotenza verso gli altri e fisicamente si possono avvertire spesso vertigini.

Sbloccare i Chakra

Ti sarà capitato di sentire persone parlare di “sbloccare” i loro chakra. Ma di cosa si tratta?

Quando questi punti sono sbloccati l’energia può attraversarli liberamente e portare numerosi effetti benefici a corpo, mente e spirito. Si parla di sbloccarli o aprirli perché quando funzionano a dovere, sono delle ruote di energia positiva che scorre liberamente nel tuo corpo. Quando, invece, sono bloccati o chiusi, l’energia non riesce a passare liberamente.

Nella guida di oggi abbiamo visto quali sono, le loro caratteristiche principali, gli effetti che hanno sul nostro corpo, gli elementi ed i colori che definiscono ogni chakra. Più importante, ancora abbiamo visto i vari metodi per sbloccarli e tenerli aperti per fare in modo che l’energia circoli liberamente nel vostro corpo.

Domande frequenti

Conoscere bene i sette centri energetici primari del corpo umano, i nodi di energia interconnessi che forniscono un flusso di energia a tutte le parti del corpo umano è importantissimo. Sono fondamentali per la salute del nostro corpo e mente.

Spero che questo articolo di approfondimento su cosa sono i sette chakra e a cosa servono ti sia stato completamente chiaro. Se, però, dovessi ancora dubbi a riguardo, ecco una sezione con le domande frequenti che ci sono state poste dai lettori. Non esitare anche a lasciare un commento, se c’è qualcosa che vorresti chiarire ulteriormente.

Quanti sono i chakra?

I chakra principali nel corpo sono 7, ma di punti energetici reali ce ne sono di più. Il numero dipende dal tipo di sistema che si usa, ma sette sono quelli più importanti.

Aprire i chakra è pericoloso?

No: i chakra sono dei punti che regolano il flusso dell’energia nel nostro corpo. Sono pericolosi quando chiusi, mentre, se aperti, ti permettono di stare bene e sentirti meglio, sia fisicamente che emotivamente.

Come posso mantenere i chakra aperti?

Ogni chakra ha un modo diverso per essere attivato. Tipicamente però, meditazione, serenità e sano esercizio fisico sono un ottimo metodo per mantenere i chakra aperti e vivere una vita migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su